Come

Soft City è uno dei progetti di Padova Smart City.

La Smart City padovana vuole essere il risultato di una visione più ampia sull’evoluzione del concetto di città e di comunità, Soft City è uno dei progetti chiave che appartengono alla stessa visione.

La parola d’ordine è dunque fare squadra, community, contaminazione, condivisione.

Su queste premesse è nato un tavolo di coordinamento e proposta su Soft City promosso da Camera di Commercio, con le associazioni di categoria, e il Comune di Padova.

Inoltre è stato recentemente firmato un accordo tra Comune di Padova, Università, Confindustria per una “cabina di regia” congiunta in termini di finanziamenti europei, in particolare per Horizon 2014-2020, per migliorare la qualità dei servizi a cittadini e imprese: trasporti pubblici, viabilità e parcheggi, sicurezza, sanità. Specie per progetti di “città intelligente” (smart city) da realizzare in collaborazione con le pubbliche amministrazioni, attraverso l’applicazione di Servizi Innovativi: servizi web-based a cittadini e imprese, commercio innovativo, risparmio energetico, logistica ecologica.

Soft City come Silicon Valley?
Fatte le debite proporzioni, l’obiettivo è affermare:

  • l’identità del territorio come polo ad alta vocazione per i servizi innovativi
  • il marchio d’area Soft City agendo su comunicazione, eventi, informazione.
    A tal proposito è in fase di pubblicazione la mappatura delle imprese di Soft City, directory dei Servizi Innovativi e tecnologici con duplice finalità:
  • promozione delle aziende sui mercati
  • conoscenza reciproca all’interno del settore per favorire processi di aggregazione e condivisione di business.

Continua la lettura >>