Storia

A partire dagli anni ’70, avviene la localizzazione a Padova delle maggiori multinazionali del settore informatico: Ibm, Digital, Xerox, Siemens.
Di qui lo sviluppo di importanti progetti imprenditoriali locali: Cerved, Necsy.
Successivamente il boom delle emittenti private locali: molte tv e radio scelsero Padova come sede per il Nord Est.
Apertura delle sedi a Nord Est di grandi compagnie di telecomunicazioni: Vodafone, Fastweb, Telecom Italia.
In questa evoluzione il naturale serbatoio di risorse e competenze, l’humus naturale per la crescita, è garantito dall’Università degli Studi di Padova.

Tutto ciò ha determinato nel tempo la formazione di un’ampia comunità di professionisti dei servizi innovativi e tecnologici, con alto livello di preparazione tecnica e commerciale, dalla quale si è sviluppato l’attuale tessuto imprenditoriale locale del settore.
Nell’ultimo decennio il settore dei servizi innovativi e tecnologici è esploso. Nel 2009 Padova conta:

  • 15.560 imprese +106,9% rispetto al 1998 (7.520)
  • 47.700 addetti +66,8% rispetto al 1999 (28.600)
  • 3 miliardi valore aggiunto prodotto +94,5% rispetto al 1999 (1,5 mld)

Grazie a questa storia oggi Padova:

  • è la prima provincia in Veneto (ottava in Italia) per imprese di servizi innovativi e tecnologici: 24,9% del totale regionale
  • occupa 1/5 degli addetti (20,5%) ai Servizi Innovativi della regione
  • il valore aggiunto dei Servizi Innovativi è il 2% del totale provinciale.