Padova Soft City presentata all’Amministrazione – Rassegna stampa

Rassegna stampa

Confindustria al Comune «Alleanza sulla smart city»
MATTINO DI PADOVA, del 14/11/2014, pag. 24

Città digitali: confindustria presenta ‘padova soft city’
CRONACA DEL VENETO, del 14/11/2014, pag. 4

Padova sta diventando ‘intelligente’
GAZZETTINO PADOVA, del 14/11/2014, pag. 15

«Abbiamo colto positivamente – ha dichiarato il vice presidente di Confindustria Padova, Gianni Potti - la decisione del sindaco di affidare una delega specifica all’innovazione e smart city all’assessore Rodeghiero, che per profilo ed esperienza potrà spendersi con competenza su questioni strategiche per lo sviluppo del sistema urbano. L’innovazione è il presupposto per imboccare un sentiero di crescita e attivare per Padova proposte ambiziose, capaci di mobilitare competenze e risorse e di attrarre investimenti».
A fare di Padova l’epicentro del terziario innovativo, secondo Confindustria, la presenza di oltre 3mila imprese dei settori engineering e informatica, ricerca e sviluppo, telecomunicazioni, una prestigiosa Università con 65mila studenti, un centro storico vicino e vivibile, la posizione di snodo logistico strategico per il Veneto.
«Padova ha le carte in regola per diventare il fulcro della smart region del Nordest e competere con le capitali dell’innovazione – ha sottolineato il presidente di Confindustria Padova SIT, Ruggero Targhetta -. Nell’area tra la stazione Fs e la ZIP Sud, passando per Università, Fiera e la Cittadella, si concentra un tecnopolo di attività innovative che è uno straordinario serbatoio di competenze in grado di contaminare il manifatturiero e rilanciare l’economia. Per farlo ha bisogno di riconoscibilità, infrastrutture di mobilità urbana, tecnologie innovative».
S’innesta in questo solco il progetto Padova Soft City. «Soft City può diventare un brand distintivo del sistema Padova – ha spiegato Potti – capace di accrescerne attrattività e competitività e di promuovere un nuovo sviluppo urbano in chiave smart. Siamo pronti a mettere a disposizione del Comune know how e progettualità».
«Il confronto che abbiamo avviato positivamente proseguirà – ha concluso Targhetta – per valutare la possibilità di una collaborazione pubblico-privato che punti all’installazione di tecnologie smart nell’area Soft City, all’apertura di un Soft City point in vista di Expo 2015, alla piena operatività della cabina di regia tra Comune, Confindustria e Università sulle nuove tecnologie e a un progetto sulle città urbane rivolto a giovani architetti e professionisti».

Importante riconoscimento per Padova Soft City

La Giunta del Comune di Padova nella seduta del 13 maggio 2014 ha per la prima volta riconosciuto Padova Soft City come la smart city delle imprese padovane indicandone il perimetro di massima, le caratteristiche e le line guida per il suo sviluppo.

Come Associazione Soft City Padova esprimiamo soddisfazione per questo importante riconoscimento del lavoro di tanti imprenditori e professionisti che credono in questo progetto. Siamo convinti che ciò sarà un ulteriore stimolo per l’avvio di azioni concrete sul territorio.

LEGGI LA DELIBERA PADOVA SOFT CITY

Smart City: sfide e opportunità.

smart-cities-miur_t

Venerdì 7 marzo dalle 9.00 alle 16.00 nella sede di Confindustria Venezia si è svolta “Smart City: tomorrow’s challenges & opportunities”, una giornata di workshop e dibattiti sul tema dell’uso delle nuove tecnologie e dei servizi, che, se resi accessibili ai cittadini, ne possono migliorare la qualità di vita. Il fenomeno Smart City, ormai diffusosi in tutta Italia, ha visto dialogare imprese, Pubblica Amministrazione, Università e centri di ricerca. Il workshop operativo, riservato agli associati Giovani Imprenditori di Confindustria Veneto, si è concluso con l’elaborazione finale di alcuni prototipi concettuali di Smart City. A seguire, la sessione aperta al pubblico con la presentazione dei risultati del workshop e gli interventi degli ospiti. Fra i relatori, Nik Baerten, Knowledge Engineer e Co-fondatore di Pantopicon, e l’economista territoriale Federico Della Puppa, due tra i più noti esperti sulle Smart City a livello internazionale. Sono intervenuti anche Gianni Potti, Consigliere Delegato Confindustria Veneto per Agenda Digitale e Smart City, Luciano Gamberini, Delegato del Rettore dell’Università di Padova ai rapporti con le imprese, Marialuisa Coppola, Assessore Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione Regione Veneto.